6 metodi per combattere l’ansia da esami
Condividi su
Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!

L'esame porta in dote una serie di paure e terrore che spesso e volentieri traumatizzano lo studente! Ecco i rimedi contro l'ansia da esami!

rimedi contro l'ansia

Stai cercando rimedi contro l’ansia? Si può fare. Partiamo dalla base. Esame. Esame vuol dire studio, vuol dire notti in bianco, ma soprattutto…vuol dire ansia. Che tu stia affrontando la maturità, il primo esame all’uni, l’ultimo, oppure che tu stia per vivere la notte prima della laurea…bè, un poco di paura ci sarà. Tuttavia vivere con l’ansia addosso è poco produttivo, stanca, e soprattutto non serve a niente, quindi vediamo qualche metodo per combattere l’ansia da giorni prima dell’esame.

 

1. Prevenzione

Ho brutte notizie per te, giovane studente, l’unico metodo per prevenire la nostra comune nemica, l’ansia, è studiare. Lo sai meglio di me, per passare gli esami s’ha da studià, se non studi -e quindi hai la coscienza sporca-, l’ansia è la più logica conseguenza delle tue azioni. Quindi previeni, cerca di studiare al meglio, e se nei giorni immediatamente precedenti sarai colto da stress imponiti di pensare che hai studiato al meglio delle tue possibilità.

 

2. Rilassati

Ebbene si, c’è un tempo per lo studio e un tempo per il relax. E quando dico “relax” intendo rilassamento fisico. Già, anche se studiare non è esattamente un’attività fisica stancante come la corsa, il nostro corpo ne risente: occhi che bruciano a causa di un uso smodato del pc, schiena a pezzi a causa della postura il più delle volte sbagliata, gambe indolenzite perchè le muoviamo troppo poco… quindi la sera dedicala a te. Avanti con camomille, tè e tisane rilassanti, un bel film da guardare stesi sul divano o a letto, e a dormire (abbastanza) presto.

 

3. Sgranchisci le gambe

Si sta chiusi e sigillati in casa per settimane, vita sociale pari a zero, qualche ringhiata con i poveri coinquilini/genitori che ci devono sopportare, fine. Non è proprio la situazione ideale per stare tranquilli e studiare al meglio. Ogni tanto una passeggiata o una corsetta fa bene, e non solo al fisico che si ritrova a vivere mollemente su una sedia per tempo indefinito, ma anche “allo spirito”: uscire, fare una passeggiata o un po’ di attività fisica, magari con un amico, ti aiuterà a capire che non esiste solo quel maledetto esame!

 

4. Comprati qualcosa di bello

Da tempo punti quella maglietta? Ti piace leggere? Hai il pallino per il make up? In vista dell’esame è assolutamente necessario premiare i nostri sforzi! Quindi non ti sentire in colpa per aver speso un paio di decine di euro in una camicetta nuova, in fondo è un modo per complimentarsi per il duro lavoro che si sta facendo…poi vada come vada, lo studio e l’impegno sono da premiare a prescindere.

5. Non ti lasciare sopraffare dagli eventi

E’ assolutamente necessario che tu pianifichi il tuo studio, e per pianificare non intendo per forza assurde tabelle dove scriverai le esatte pagine da studiare, basta solo entrare nell’ordine delle idee di cominciare a studiare per tempo e di studiare ogni giorno, più o meno ore a seconda della tua concentrazione e a seconda della difficoltà. Non lasciare però che i tuoi sforzi siano vanificati da quella stupida vocina interiore che ti spinge a studiare fino a notte fonda, o che ti fa credere che tu non stia facendo abbastanza. Imponiti dei limiti, se vuoi superali ma senza esagerare, a tutto c’è un limite: anche allo studio.

 

6. Parlane

Sembra scontato, ma parlare di un problema lo minimizza molto. Se senti che hai lo stomaco piccolino, se ti prende quel malessere tipico da “mi sento in colpa”, e sai di essere nel giusto: parlane con qualcuno. Esternare i propri sentimenti è un ottimo modo per visualizzarli e capire se i problemi sono davvero esistenti o sono “pompati” dalla stupida vocina di cui parlavo prima. Scegli un amico fidato che può capirti e, se mai ti sentirai un po’ scombussolato, parlagliene!

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!
Francesca Alberti
Classe 1989, laureata alla magistrale in Arte contemporanea, vive fuorisede a Genova da svariati anni. Le piace leggere e scrivere, crede di essere una grande fotografa e si definisce "una creativa", ...
Diventa anche tu un nostro collaboratore! Scrivi per noi!
Leggi altri articoli in News Università