!-- Google Tag Manager (noscript) -->

La creatività è contagiosa. Trasmettila. Albert Einstein

Blade Runner 2049 recensione: perché vederlo anche se non hai visto il primo
Condividi su

Blade Runner 2049 recensione: perché vederlo anche se non hai visto il primo

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!

Blade Runner torna al cinema dopo 35 anni e noi lo abbiamo visto in anteprima. Ecco tutto quello che devi sapere se non sei ancora certo di volerlo vedere.

Blade Runner 2049: posso vederlo anche se non ho visto il primo?

“Ho visto cose che voi umani non potete neanche immaginare”. O meglio, per i più precisi: “Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi”. Se non hai mai sentito questa frase, allora probabilmente sei un replicante messo in produzione di recente, oppure, più semplicemente, non hai mai visto Blade Runner e probabilmente ora ti starai chiedendo se vale la pena andare a vedere Blade Runner 2049 visto che ne parlano tutti e che c’è Ryan Gosling.
Proprio per questo la domanda a cui questa recensione di Blade Runner 2049 cercherà di rispondere è una versione espansa del classico com’è il film e potrebbe essere riassunta così: vale la pena di andarlo a vedere anche se non ho visto il primo (o forse non me lo ricordo perché ero davvero troppo piccolo quando lo davano in TV)?
Il tutto senza parlarvi della trama. Esatto: non possiamo dirvi cosa succede in questo nuovo capitolo perché ce lo ha vietato il regista in persona.  No, non si è materializzato in forma di ologramma come le pubblicità nel futuro distopico di Blade Runner, Denis Villeneuve ha optato per un appello in apertura della proiezione stampa in cui ha esplicitamente chiesto a tutti di fare in modo che il pubblico approcciasse al film senza saperne nulla.

Blade Runner 2049: la recensione (senza la trama)

Dunque, in questa (non) recensione di Blade Runner 2049 non vi racconteremo il cosa, ma il come. Un come che lascia a bocca aperta perché riesce a dare nuova linfa a quel Blade Runner di Ridley Scott che è entrato nell’immaginario collettivo persino di chi non l’ha mai visto. L’ambientazione è la stessa: l’umanità non sta per estinguersi fisicamente ma probabilmente è già morta dentro, i Replicanti sono ancora in produzione e il ritiro dei modelli precedenti, che si sono ribellati al loro creatore, è ancora affidato ai Blade Runner. Posta su questa base la lotta contro il proprio simile si fa tanto più inquietante quanto più ci si rende conto che essere decretati umani è soprattutto una questione di convenzioni, di creazione, di privilegio legato alla nascita. La riflessione sulle cosa rende un uomo tale, su quanto ci sia di umano nel giudicare, nel pretendere di essere migliori per statuto, passa quindi di nuovo attraverso gli sguardi di creature che sembrano del tutto uguale a noi ma in fondo non lo sono. O meglio: potrebbero non esserlo.
La fantascienza si è a lungo nutrita e (siamo pronti a scommetterci!) si nutrirà ancoraa di questo paradosso, semplice nel suo essere profondamente inquietante.
Villeneuve riesce a prendere tutto questo e ad inserirsi perfettamente nella tradizione del genere di riferimento senza tuttavia mai piegarsi. Il risultato è una narrazione avvincente e convincente, che forse ha la sola pecca di risultare troppo verbosa in alcuni passaggi, una narrazione che riesce a dimostrare che Blade Runner ha ancora qualcosa da dire.
Ce l’ha perché il cast funziona e la fotografia affascina, perché gli effetti speciali si spingono in là quel tanto che basta per convincere gli occhi di quello che prova il cuore, perché quando si decide di portare sullo schermo una vicenda che vale davvero la pena raccontare, allora l’originale può essere tramandato senza essere tradito.
Ci saranno sempre cose che noi umani non possiamo neanche immaginare, per fortuna, però, ci saranno (si spera sempre) anche umani in grado di intuirle e trasformale in cinema.

Blade Runner 2049: cosa sapere

Infine, ecco qualche informazione utile!

Blade Runner 2049, il cast

Come abbiamo detto, il cast è davvero in parte e, in più ce n’è per tutti i gusti. I nostri preferiti sono:

  • Ryan Gosling – Non c’è bisogno di aggiungere altro no?!?
  • Harrison Ford – Per la gioia di chi già amava Blade Runner
  • Jared Leto – Che ci sta sempre bene
  • Ana de Armas – Perché anche l’occhio di chi non guarda Ryan vuole la sua parte
  • Robin Wright – Per gli amanti di House of Cards e delle attrici molto brave in generale

Blade Runner 2049 – Data di uscita

Il film arriva nelle sale italiane oggi, 5 ottobre 2017 distribuito da Warner Bros Italia.

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!
Potrebbe interessarti anche
Leggi altri articoli in Buzz Vita Universitaria