Nasce il Crowdfunding per evitare il default della Grecia
Condividi su

Nasce il Crowdfunding per evitare il default della Grecia

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!

Incredibile campagna crowdfunding in sostegno della Grecia per coprire parte del debito. Si tratta di una somma importante, ma il progetto è già virale!

crowdfunding grecia

E’ sulla bocca di tutti: la Grecia è ad un passo dal default. Tutto dipenderà dal referendum dei prossimi giorni. L’uscita dalla zona Euro avrebbe effetti devastanti. Secondo gli economisti più navigati, anche il nostro paese non ne rimarrebbe immune. Tanto è vero che l’Italia vanta un credito di 65 miliardi di euro verso il paese guidato da Alexis Tsipras. Per evitare il fallimento greco e dell’Unione Europea in quanto tale, c’è chi si è mosso per tentare il tutto per tutto. Non si tratta di leader politici, primi ministri o presidenti della Repubblica. Bensì stiamo parlando di Thomas Feneey.

Il 29enne ragazzo inglese, proveniente da York, ha avviato un crowdfunding in favore della Grecia. L’obiettivo? Quello di risanare il debito del paese. Impresa fantascientifica ma ancorché simbolica. Il goal richiesto è 1.600.000.000 € volti a coprire parte del debito che la Grecia ha nei confronti del Fondo Monetario Internazionale.

“Non si tratta di uno scherzo. Ero stanco di assistere alle trattative dei politici, mentre le persone reali soffrono terribilmente a causa della crisi. 1,6 miliardi di euro – scrive nella descrizione della campagna – sembrano una somma impossibile, ma equivalgono a poco più di 3 euro al giorno per ogni cittadino europeo, cioè mezza pinta di birra in un pub di Londra.”

Il segnale di Thomas è chiarissimo: aiutiamoci. In un solo giorno, la campagna lanciata da Thomas ha raccolto il favore di circa 6.500 “donatori” per un totale di 95.000€. Intanto la campagna è diventata sempre più ‘social’: 44mila share su Facebook e 11.2k citazioni su Twitter. Da specificare che se l’obiettivo del miliardo e seicento milioni di euro non verrà raggiunto, le donazioni verranno restituite a chi dovere. Se l’obiettivo non verrà raggiunto, il segnale di solidarietà è stato recepito da gran parte della popolazione… ma Thomas proprio non ne vuole sapere:

“Questo non è solo una sorta di urlo ma è un vero e proprio tentativo di fare qualcosa. Per lo meno ci facciamo sentire con questa azione. Siamo tutti vicini al popolo greco. Dobbiamo sollevare la questione globalmente. Possiamo aiutare i nostri cugini greci acquistando i magnifici prodotti locali che hanno a disposizione come feta, olive e vino. Oppure considerare la Grecia come luogo per andare in vacanza. Anche questo è l’obiettivo di questa pagina di crowdfunding. Il commercio aiuterà la Grecia ed il popolo greco a risollevarsi dalla loro situazione.”

 

 

Per chi volesse dare un contributo, ecco la pagina per sostenere il popolo greco e coprire una parte del debito con il FMI.

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!
Simone
U.S.A. Lover, Basketball addicted, mangiatore di Serie Tv e amante della Sport. Il problema è che guardo tutto comodamente dal divano di casa mia.
Diventa anche tu un nostro collaboratore! Scrivi per noi!
Leggi altri articoli in Cinema & Serie TV Vita Universitaria