Ti amo in cento modi diversi: l’amore è una cosa da idiomi
Condividi su

Ti amo in cento modi diversi: l’amore è una cosa da idiomi

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!

Ti amo in cento lingue diverse. Hai detto ti amo e ti hanno risposto grazie? Forse basta dirlo in un'altra lingua!

Ti amo: lo stai dicendo nel modo giusto?

Quando quella sera di pioggia, tenendo stretta la tua ragazza sotto l’ombrello, l’hai guardata negli occhi e le hai detto: “ti amo”, e lei, ricambiando il tuo sguardo, ha risposto: “Se con la pioggia mi si rovina la piega ti ammazzo”, il problema non eri tu.

Potrebbe essere stato un semplice errore di comunicazione, forse lei non crede davvero che tu valga meno di una seduta dal parrucchiere, forse ti ama alla follia ma non ha capito.

Quando quella mattina, risvegliandoti dopo una notte insieme al tuo compagno di corso per il quale smaniavi da anni, gli hai accarezzato i capelli e gli hai detto “ti amo”, e lui, cercando i boxer, ti ha risposto:  “Scappo perché devo fare colazione con mia mamma”, il problema non eri tu.

Probabilmente ha frainteso, lui non stava evitando l’argomento usando la scusa più inquietante che una donna possa immaginare.

Non è un problema di idioti, è un problema di idiomi

Hai semplicemente sbagliato lingua. Forse sarebbe bastato cambiare idioma per rendere più comprensibile il tuo messaggio: avresti potuto dire ti amo in hindi o in etiope.

Poco credibile, vero? Sì, probabilmente dovresti lasciare la tua ragazza prima che lo faccia lei. E sì, il tuo compagno di corso difficilmente sarà l’uomo della tua vita.

Comunque, per la tua prossima relazione, che si spera sia meglio della precedente, ecco una pratica lista con 100 differenti modi di dire ti amo. Studiala attentamente, imparala a memoria e recitala con lo stesso entusiasmo con cui da bambino declamavi Carducci davanti al parentado: conquisterai la persona amata!

Non possiamo garantirlo, ma è molto probabile che tra questi ci sia il modo giusto per dire la cosa più difficile da dire, e forse anche per ottenere qualcosa in più rispetto a “grazie” come risposta.

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!
Erica Rosati
Sopravvissuta miracolosamente alla lettura integrale della Gerusalemme Liberata, ora vaga di villaggio in villaggio raccontando come è riuscita a salvarsi in questa e in tante altre simili occasioni.
Diventa anche tu un nostro collaboratore! Scrivi per noi!
Leggi altri articoli in Buzz Vita Universitaria