Progetto Erasmus Plus: cos’è e come funziona
Condividi su

Progetto Erasmus Plus: cos’è e come funziona

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!

L’Erasmus+ è un progetto europeo che, partito nel 2014, va a sostituire, rinnovandolo, il vecchio progetto Leonardo. Alla scoperta del nuovo Erasmus Plus.

programma erasmus plus

PROGRAMMA ERASMUS PLUS: COSA E’

Il programma Erasmus+ (detto Erasmus Plus) è un progetto europeo che, partito nel 2014, va a sostituire, rinnovandolo, il vecchio progetto Leonardo. Si tratta di un’iniziativa che si rivolge a diversi soggetti, tra cui atleti, personale docente e non e, in generale, gli studenti di Istituti di Istruzione Superiore, ovvero tutti quegli istituti che rilascino una laurea o altre certificazione riconosciute dal MIUR e che aderiscano al programma (quindi Università, Politecnici, Istituti di Belle Arti, Conservatori, ecc.), nonché i neolaurati. Ma analizziamo nel dettaglio cosa prevede per studenti e laureati.

 

PROGRAMMA ERASMUS PLUS: DUE TIPOLOGIE DI MOBILITA’

Innanzitutto è importante segnalare che per gli studenti l’Erasmus+ prevede due diverse modalità che comportano tempi, prerequisiti e finalità diverse: la mobilità ai fini di studio (che si riconduce all’attività chiave prevista dal progetto detta KA1, ovvero “modalità individuale a fini di apprendimento”) e la mobilità ai fini di traineeship (KA2, ovvero “cooperazione per l’innovazione e per le buone pratiche”). Per entrambe prerequisito necessario è la conoscenza della lingua del paese di destinazione e/o dell’inglese; per alcune di queste la Commissione Europea offre dei corsi di lingua on-line (per maggior informazioni: www.erasmusplusols.eu).

Lo studente o il neolaureato E+ può non essere destinatario di borsa, ma nel caso lo sia il contributo comunitario ha un ammontare diverso a seconda del costo della vita del Paese europeo di destinazione. Per questo i Paesi europei aderenti sono stati divisi in tre fasce:

  • Gruppo 1: costo della vita alto. Rientrano nel gruppo Austria, Danimarca, Finlandia, Francia, Irlanda, Italia, Liechtenstein, Norvegia, Svezia e Regno Unito.
  • Gruppo 2: costo della vita medio. Rientrano nel gruppo Belgio, Croazia, Repubblica Ceca, Cipro, Germania, Grecia, Islanda, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo, Slovenia, Spagna e Turchia.
  • Gruppo 3: costo della vita basso. Rientrano nel gruppo Bulgaria, Estonia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Romania, Repubblica Slovacca ed Ex Repubblica Iugoslava di Macedonia.

 

PROGRAMMA ERASMUS+ A FINI DI STUDIO

Gli studenti che intendano usufruire delle opportunità del progetto E+ in ambito di studio possono recarsi all’estero, negli Istituti dei Paesi europei aderenti, per sostenere esami o svolgere ricerca in vista della stesura di una tesi di laurea. Possono aderire solo gli studenti iscritti ad un Istituto di Istruzione Superiore a partire dal secondo anno, per un periodo che può andare dai 3 ai 12 mesi, meno che per gli iscritti ad un corso di studio a ciclo unico (es. Medicina) che possono prolungare il soggiorno all’estero fino a 24 mesi. Tuttavia, per coloro che non sono iscritti ad un corso di studi a ciclo unico, la buona notizia è che si può partire, a differenza che con l’Erasmus, una volta per ogni ciclo di studio (ad esempio, sia durante la triennale che durante la specialistica) e anche seguendo le due diversi chiavi KA1 e KA2, ma sempre senza superare i 12 mesi per ogni ciclo.

Per gli studenti italiani che nell’a.a. 2014/2015 si sono recati in uno dei paesi del gruppo 1, la borsa è fissata a 280,00 € mensili, mentre per uno dei paesi dei gruppi 2 e 3, la borsa è fissata a 230,00 € mensili; ovviamente la mensilità è soggetta di anno in anno a variazioni dovute all’entità della cifra stanziata dall’UE per il progetto.

 

Cosa fare prima.
Gli studenti che intendano partire innanzitutto devono informarsi presso gli appositi sportelli della propria Università per procurarsi tutte le informazioni necessarie, circa le scadenze, la documentazione e le mete disponibili. Fatto ciò, bisogna stipulare PRIMA DELLA PARTENZA un accordo finanziario che copra il periodo di mobilità e redigere un piano di studi sottoscritto dallo studente, dall’Istituto di partenza e da quello ospitante. Al termine dell’esperienza invece l’Istituto ospitante deve rilasciare una certificazione della durata della mobilità e dei risultati accademici ottenuti che vengono di conseguenza riconosciuti dall’Istituto di iscrizione.

 

PROGRAMMA ERASMUS PLUS: A FINI DI TRAINEESHIP

Questa modalità è aperta sia agli studenti iscritti ad un Istituto sin dal primo anno, sia ai neolaureati; per quanto concerne i neolaureati la domanda va presentata prima della laurea, ma lo svolgimento del tirocinio deve avvenire entro un anno da quest’ultima. Il soggiorno all’estero con questa modalità può durare da un minimo di 2 mesi ad un massimo di 12; l’unica eccezione riguarda gli studenti iscritti ad un corso di laurea a ciclo unico che possono soggiornare all’estero fino ad un massimo di 24 mesi. Il tirocinio viene svolto presso un’organizzazione o un’impresa aderente al progetto, mentre restano escluse Istituzioni e Organismi UE per evitare conflitti di interessi o doppi finanziamenti; il tirocinio deve essere compatibile con il percorso accademico dello studente e con le sue aspirazioni.

Per quanto riguarda le borse di studio, per gli studenti iscritti vale quanto detto precedentemente, mentre i neolaureati che partono dall’Italia hanno ricevuto, per l’a.a. 2014/2015, 480,00 € mensili per i paesi del gruppo 1 mentre 430,00 € per quelli dei gruppi 2 e 3.

 

Cosa fare prima.
Per quanto riguarda le attività preliminari vale quanto detto per la chiave KA1, con la sola differenza che il piano precedentemente sottoscritto da studente/neolaureato, Istituto di provenienza e impresa o organizzazione ospitante riguarda non lo studio ma le attività di tirocinio. Il Programma Erasmus+ prevede anche un Sistema di Garanzia dei prestiti rivolto agli studenti di Laurea Magistrale per seguire un programma di studio di 1 o 2 anni all’estero: presso le banche nazionali o le agenzie di prestito aderenti all’iniziativa si possono ottenere, a tasso agevolato, prestiti fino a 12˙000 € per 12 mesi di soggiorno all’estero e fino a 18˙000 € per 24 mesi.

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!
Azzurra Del Gaone
Formazione scientifica per caso, studentessa di Lettere per scelta: mi manca la scienza ma mi tengo aggiornata, godendomi la bellezza delle arti. "Forte e gentile" come l'Abruzzo che mi dà i natali...
Diventa anche tu un nostro collaboratore! Scrivi per noi!
Leggi altri articoli in Consigli per Studiare Università