Introduzione della tesi di laurea: consigli per scriverla al meglio
Condividi su

Introduzione della tesi di laurea: consigli per scriverla al meglio

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!

L’introduzione è una parte cruciale del lavoro di tesi: ecco qualche consiglio per scriverla nel migliore dei modi

come scrivere introduzione tesi di laurea

INTRODUZIONE DELLA TESI DI LAUREA: UNA PARTE FONDAMENTALE

La tesi di laurea è ovviamente il momento di maggior impegno e talvolta difficoltà che si possa incontrare nel corso della carriera universitaria: all’interno di un lavoro di ricerca piuttosto approfondito, si tende talvolta a trascurare l’importanza dell’introduzione, che sembra la parte “più facile” e immediata. Nulla di più sbagliato: l’introduzione è una parte cruciale, da svolgere nel migliore dei modi poiché quasi certamente la commissione leggerà solo questa parte del lavoro e le eventuali conclusioni riportate, le quali faranno quindi da metro di giudizio dell’intera opera. E’ dunque buona cosa conoscere qualche metodo per realizzare al meglio l’introduzione.

 

DA NON PERDERE: Come scrivere l’argomento della tesi di laurea

 

INTRODUZIONE DELLA TESI DI LAUREA: COME DEVE ESSERE

La parte iniziale del vostro lavoro ha il fine di mostrare una panoramica riassuntiva della tesi e di come essa sia stata sviluppata. E’ quindi importante esplicitare immediatamente gli obiettivi che vi siete preposti, cercando di inserirli all’interno di un panorama di ricerca più ampio, con riferimenti a opere o spunti che possano aver ispirato il vostro lavoro di tesi: in questa parte si dovrà dunque dare una sorta di excursus teorico del campo di ricerca prescelto. Una volta fatto ciò, si può passare a parlare della tesi vera e propria, indicando gli strumenti e i metodi utilizzati per definire gli obiettivi citati, per poi proseguire in una sorta di riassunto dei singoli capitoli che anticipi gli argomenti trattati nelle varie parti: sarà importante in questo punto dare maggior rilievo ai “pezzi forti” della tesi, le parti cioè che sembrano più riuscite o originali. Sarà proprio questa parte più riassuntiva ad introdurre perfettamente il lavoro stesso, senza aver bisogno di una conclusione vera e propria dell’introduzione.

 

LEGGI ANCHE: Come scrivere le conclusioni della tesi di laurea

 

INTRODUZIONE DELLA TESI DI LAUREA: MEGLIO ALLA FINE

Paradossalmente dunque questo lavoro introduttivo è molto più semplice da realizzare se svolto al termine della tesi stessa, quando saranno ormai ben definite le varie parti e le conclusioni cui il lavoro giunge. Pur aprendo l’opera, ne è sostanzialmente un riassunto che esplicita obiettivi, motivazioni e metodologie, ma è importante che non diventi troppo lungo e pesante: oltre alla chiarezza, la sinteticità è un criterio fondamentale per scrivere una buona introduzione, che non dovrà quindi superare le 2-3 facciate, al fine di lasciare il succo della questione nel lavoro stesso. Una panoramica che quindi non dovrà mai entrare troppo nel dettaglio o risultare eccessivamente forbita: per tutto questo in fondo c’è la tesi stessa.

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!
Giacomo Sordo
Veronese, cestista, universitario in vista di una fioca luce in fondo al tunnel: meglio su un campo che in aula, il che è veramente tutto un dire.
Diventa anche tu un nostro collaboratore! Scrivi per noi!
Leggi altri articoli in Cinema & Serie TV Vita Universitaria