Tasse universitarie: come pagare di meno
Condividi su

Tasse universitarie: come pagare di meno

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!

L'incubo di tutti gli studenti sono le tasse universitarie, però pagare di meno è possibile grazie a piccoli accorgimenti che vi suggeriamo qui!

Tasse università: esoneri e riduzioni

Purtroppo non è solo una questione di prestigio e corsi di laurea: quando si sceglie l‘università, bisogna tenere conto anche delle tasse universitarie! Anche le lauree pubbliche e non solo gli atenei privati, infatti, prevedono il pagamento di rette piuttosto onerosi, quindi è sempre importante capire quali sono le agevolazioni e i possibili esoneri se non si hanno redditi molto elevati. Quindi non fatevi prendere dal panico. Ci sono tante possibilità per non fare diventare il proprio
studio più costoso di un viaggio deluxe a New York. Ci sono diversi modi per ridurre i costi delle vostre tasse e qui vi daremo qualche suggerimento.

Non perdere anche:

Esonero tasse universitarie: tutti i casi

Per prima cosa, è bene ricordare che per accedere a qualsiasi tipo di corso universitario, dovete consultare il sito del vostro ateneo: lì troverete tutte le informazioni utili riguardanti le tasse e le tempistiche per pagarle, evitando di essere soggetti a mora per i pagamenti oltre le scadenze stabilite dalle segreterie (non vogliamo assolutamente arrivare a pagare di più per una semplice svista!). Inoltre, anche per accedere a borse di studio o presentare la domanda per riduzione delle tasse per reddito o merito ci sono delle scadenze precise.

Tasse universitarie, riduzione per reddito: cosa sapere sull’ISEE

Ovviamente, per garantire un accesso equo all’istruzione (anche di livello accademico), sono previste delle fasce di reddito a cui corrisponde un rimborso o riduzione delle tasse universitarie. Questo significa che chi ha o fa parte di un nucleo familiare che ha un reddito molto elevato dovrà pagare l’intera retta, chi guadagna meno avrà delle riduzioni e per redditi molto bassi si prevede una cifra irrisoria. Come presentare la domanda per riduzione delle tasse universitarie? Potete richiedere il modello ISEE (Indicatore della Situazione Economica) rivolgendovi al CAF (Centro Assistenza Fiscale) della vostra città di residenza o ad un commercialista. Tramite questo modulo, acquisito direttamente dalle università, le segreterie degli atenei potranno conoscere la vostra situazione economica ed elaborare, in maniera adeguata al vostro reddito o a quello delle vostre famiglie, l’importo delle rate universitarie. 

Rimborso tasse universitarie per merito: gli esoneri

Sembra scontato dirlo, ma studiando e facendo tutti gli esami previsti dal piano accademico potrebbe essere un vantaggio anche da un punto di vista economico: chi riesce ad accumulare un certo numero di CFU (variabile per ogni ateneo) è agevolato a ricevere dei benefici economici che potrebbero tradursi in una restituzione parziale dei soldi versati per la prima rata oppure in una riduzione ulteriore dell’importo della seconda rata. Anche in questo caso vi consigliamo di informarvi tramite il sito della vostra università oppure contattando le segreterie studenti per scoprire meglio il tipo di vantaggi legati all’accumulo di crediti.

Borse di Studio per studenti universitari

Oggetto più ambito da tutti gli studenti sono le borse di studio, divise solitamente in “Borse di Ateneo” e “Borse per il diritto allo studio universitario”. Le prime sono erogate dalla stessa università e, di solito, le condizioni per averla sono il reddito entro una certa cifra e il possesso di una media minima dei voti. Le seconde sono rivolte principalmente agli studenti in possesso di un reddito basso, sono erogate da enti regionali e i termini per conseguirle non sono legati alle medie dei voti ma impongono delle condizioni: potete mantenere la condizione di borsisti se, entro una certa data, riuscite ad accumulare i crediti richiesti dal bando di concorso.

Riduzioni tasse universitarie per Matricole: un benvenuto più soft

Ulteriori agevolazioni sono previste per coloro che si iscrivono al primo anno accademico: se avete concluso la scuola superiore ottenendo un voto pari a 100 o 100 e lode, per voi è previsto un esonero per merito (in genere sulla prima rata di iscrizione) che permette di ridurre fortemente l’importo delle tasse universitarie. Quindi, come potete vedere, basta essere sempre pronti a scoprire i vantaggi concessi dalle università, mantenendo un percorso di studi regolare, e il gioco si fa sicuramente più facile.

(Foto Credits: Pixabay)

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!
Leggi altri articoli in News Università