Lauree umanistiche: l’elenco completo con le facoltà più richieste
Condividi su

Lauree umanistiche: l’elenco completo con le facoltà più richieste

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!

La musica sta cambiando e i laureati in discipline umanistiche oggi piacciono anche al mercato del lavoro. Noi di SOS Studenti vi spieghiamo perché scegliere una facoltà umanistica è una mossa saggia.

Corso di laurea umanistico: l’elenco delle facoltà e cosa sapere

I luoghi comuni sulle lauree umanistiche si sprecano e in questi anni ne abbiamo sentite di tutti i colori, dalla difficoltà che i laureati hanno nel trovare lavoro una volta terminata l’università, all’alto tasso di disoccupazione, passando per le prospettive economiche ridotte all’osso per chi a una laurea in ingegneria o matematica ha preferito gli studi di filosofia o storia dell’arte.
Il mondo del lavoro però cambia continuamente e oggi l’aria non è più la stessa, lo scrive anche il Sole 24 ore (in un articolo di Alberto Magnani dello scorso febbraio), che parla di un aumento d’iscrizioni nei licei classici, mentre secondo una recente ricerca dell’Università di Harvard, le soft skills, capacità di scrittura, intelligenza emotiva, problem solving, sono caratteristiche che influiscono sulla crescita occupazionale degli ultimi 30 anni andando ad incidere, di conseguenza, sugli aspetti legati alla retribuzione.
Tutti elementi prevalenti in coloro che scelgono la via delle discipline umanistiche. Se vi state chiedendo quali sono le lauree umanistiche più utili e richieste in un mondo votato all’hi-tech noi di SOS Studenti vi aiutiamo a fare un po’ di chiarezza, includendo anche l’elenco completo delle facoltà.

Siete alla ricerca di un’università professionalizzante? Allora leggete qui:

Università: perché sono sempre più richieste le lauree umanistiche?

In un periodo di profonda crisi occupazionale studiare il pensiero di Immanuel Kant o lasciarsi affascinare dai sonetti di William Shakespeare non sembra essere la mossa migliore soprattutto in termini di guadagni futuri. Davvero i laureati in materie umanistiche sono condannati alla disoccupazione eterna o alla precarietà a vita?
Questa è una visione assai parziale di quello che succede nella realtà dove i dottori in scienze umane hanno una capacità che nel mercato del lavoro è sempre più richiesta: la flessibilità.
Al contrario di chi si muove su un percorso obbligato e può trasformare la conoscenza acquisita sui testi universitari in un’unica espressione professionale, gli studenti delle facoltà umanistiche maturano una capacità di adattamento al mercato del lavoro che gli consente di non fuggire davanti al cambiamento ma di affrontarlo reinventandosi.
Una peculiarità che nei fatti si traduce nella possibilità di essere impiegati in diversi tipi di settori in virtù di quella flessibilità che alimenta il pensiero critico e sviluppa le capacità analitiche e argomentative utili anche nel settore hi-tech dove le lauree umanistiche non sono certo un outsider.
Lo dimostra la storia di Susan Wojcicki, CEO di Youtube, con una laurea in Storia e Letteratura all’università di Stanford.

Elenco Miur Lauree umanistiche

Vediamo quindi subito quali sono le facoltà umanistiche che possiamo frequentare in Italia:

  • Antropologia, religioni e civiltà orientali
  • Lettere
  • Storia
  • Filosofia
  • Lingue straniere
  • Archeologia
  • Beni culturali
  • Dams – disciplina delle arti, della musica e dello spettacolo
  • Informatica umanistica
  • Mediazione linguistica e culturale
  • Scienze archivistiche e librarie
  • Scienze dell’educazione e della formazione primaria
  • Scienze linguistiche
  • Scienze umane dell’ambiente, del territorio e del paesaggio

Lauree umanistiche: quali sono quelle più utili?

Secondo l’articolo del Sole 24 ore, che abbiamo citato nei precedenti paragrafi, i corsi di laurea in linguistica e semiotica si rivelano indispensabili nel campo della machine learning che in italiano possiamo tradurre come apprendimento delle macchine o, più correttamente, apprendimento automatico. Il quotidiano rivela anche che una laurea in filosofia è un asso nella manica per un automation ethicist, l’esperto di intelligenza artificiale che studia l’impatto etico e sociale dei macchinari destinati ad interagire con gli uomini.
Lauree in lettere e sociologia possono essere convertite in professionalità che operano nel web e nella gestione dei canali social, un settore quest’ultimo dove sempre più spesso si incontrano professionisti votati al digitale dopo aver conseguito una laurea in filosofia.

(Foto Cover – Gilmore Girls, Warner Bros. Television / Interno – Harry Potter, Warner Bros.)

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!
Raffaella Berardi
Quando pensi di aver chiuso con tutto quello che gravita intorno al mondo scolastico ti ritrovi a scriverne. Aveva ragione mia nonna quando mi ripeteva sempre: "la vecchia a 100 anni ancora doveva imp...
Diventa anche tu un nostro collaboratore! Scrivi per noi!
Leggi altri articoli in News Università