La creatività è contagiosa. Trasmettila. Albert Einstein

 Come preparare un esame in una settimana 
Condividi su
Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!

Come studiare in poco tempo: vuoi preparare un esame universitario in una settimana ma non sai come fare? Non perderti i nostri consigli! 

Come si prepara un esame universitario in poco tempo

Preparare un esame in una settimana è possibile? In linea teorica si può, aspirando, perché no, anche al 30 e lode. Purtroppo, però, non tutti i casi sono uguali e le variabili da considerare sono tante, dalla difficoltà della materia al numero di pagine da studiare, dalla preparazione di base che hai sugli argomenti di esame (è una materia che ti piace? Hai seguito le lezioni? Sono argomenti di cui già conosci molti aspetti?) alla determinazione, fino alla capacità di memorizzazione e apprendimento nel breve termine che hai. In ogni caso, se ti sei trovato all’ultimo momento a preparare un esame e non vuoi saltare l’appello, hai bisogno di un “piano di battaglia” e di una strategia valida per affrontare lo studio della materia in questione e superare l’esame brillantemente (o comunque portare a casa un 18 se il tuo obiettivo è semplicemente ottenere i crediti). Vuoi alcuni consigli utili per preparare un esame in 7 giorni? Abbiamo chiesto delle dritte agli esperti di CEPU: ecco cosa ci hanno detto!

Non perdere:

Essere preparato in minor tempo: le dritte per dare un esame in 7 giorni

Hai deciso l’esame da dare, hai raccolto il materiale che ti serve per prepararti e adesso ti manca solo un piano per studiare tutto in una settimana. Forza e coraggio: con questi consigli puoi farcela!

  • Fai una tabella di marcia dettagliata.
    Per riuscire a studiare bene tutto il programma d’esame in 7 giorni è necessario essere organizzatissimi e fiscalissimi. Il primo passo è organizzare lo studio. Fai un conto delle pagine da studiare e dei capitoli e poi dividi gli argomenti per i giorni che hai a disposizione (se riesci lascia una giornata o mezza giornata per un breve ripasso finale). Fatti uno schema anche con le ore da passare sui libri, concentrando lo studio nei momenti della giornata che ti sono più congeniali per la concentrazione. Inoltre, non dimenticare di programmare tante pause brevi (10-15 minuti) per riposarti e mangiare, così da ricaricati e non impazzire.
  • No ai riassunti dell’ultimo minuto, sì agli schemi con le parole chiave.
    Se sei stato previdente e hai già riassunto i libri, usare le sintesi è certamente utile. Tuttavia, se stai iniziando adesso a studiare una materia, non avrai tempo di memorizzare scrivendo i riassunti. Punta invece su degli schemi veloci e immediati per fissare i concetti più importanti e le parole chiave.
  • Leggi attentamente gli appunti.
    Se hai seguito le lezioni in classe, un valido aiuto può arrivarti dagli appunti, che possono integrare, riassumere e/o facilitarti lo studio dei libri di testo.
  • Ascolta, nei momenti liberi, le registrazioni delle lezioni (se le hai). >
    Se hai la fortuna di avere registrato le lezioni, può esserti d’aiuto ascoltartele nei momenti in cui vuoi staccare un po’ la spina e rilassarti.
  • Usa matite colorate ed evidenziatori per massimizzare la memoria fotografica.
    Per preparare gli esami bisogna puntare su tutti i metodi di memorizzazione possibili. Molto valida, soprattutto per lo studio di breve periodo, è la memoria fotografica. Usa colori diversi per sottolineare concetti/argomenti/fasi diverse: in questo modo, rivedendo nella tua mente la pagina e i colori associati, sarà più facile ricordarsi i contenuti! Un altro metodo valido, se hai tanti nomi da ricordare, è quello delle associazioni.
  • Contatta gli studenti che hanno già dato l’esame per avere informazioni utili sulle domande d’esame.
    Usiamo i social in continuazione, quindi perché non unire l’utile al dilettevole contattando i compagni che hanno già dato l’esame per chiedere loro quali sono le domande generalmente poste o gli argomenti più gettonati?
  • Vai al ricevimento dal professore/professoressa.
    Un’altra tattica utile può essere quella di andare al ricevimento del professore o professoressa per mostrarti interessato alla materia, capire quali sono gli argomenti che più gli/le interessano e magari avere delucidazioni su tutto ciò che ti è poco chiaro e/o non hai capito.
  • Fai un gruppo di studio con i compagni.
    Il rischio di studiare con altri colleghi è di distrarsi troppo. Tuttavia, se hai compagni motivati come te, può valere il detto “l’unione fa la forza”. Organizza un gruppo di studio, magari il giorno prima dell’esame, per il ripasso comune, per scambiarsi dubbi e confrontarsi su quello che si è studiato.
  • Non scoraggiarti.
    Studiare un esame in una settimana sarà sicuramente stancante, tanto che ci saranno dei momenti in cui penserai di non farcela e di mollare. Non scoraggiarti: pensa ai tuoi obiettivi e sii sicuro delle tue potenzialità.

Hai bisogno di altre dritte? Rivolgiti a CEPU. Un team di esperti potrà darti il supporto che desideri: clicca qui

Esami Universitari: cosa sapere su iscrizioni, scadenze metodo di studio e appelli

Vuoi sapere tutto il possibile sugli esami universitari: metodo di studio, appelli, scadenze e come iscriversi? Ecco cosa ti potrebbe interessare leggere:

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!
Potrebbe interessarti anche
Isabelle Giacometti
Premetto che non sono mai stata brava a parlare di me, di certo meno di quanto non lo sia a scrivere. Vi basti sapere che ho 19 anni, mi piace il rosa, sono la persona più freddolosa della terra e...
Diventa anche tu un nostro collaboratore! Scrivi per noi!
Leggi altri articoli in Orientamento Università