Esami universitari: come funzionano gli appelli? Tutto su sessioni e tempistiche
Condividi su

Esami universitari: come funzionano gli appelli? Tutto su sessioni e tempistiche

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!

Siete entrati nel panico dopo aver visto tutte le sigle, gli orari e le date che accompagnano ogni sessione d'esame all'Università? Vi aiutiamo noi a fare ordine

Esami_universitari__come_funzionano_gli_appelli__Tutto_su_sessioni_e_tempistiche

Appelli Esami Università: cosa sapere

Arrivati all’Università scommettiamo che a molti dei nostri lettori si sarà stampato un sorriso sulle labbra una volta scoperto che, diversamente dal liceo, agli esami non si è sottoposti in maniera coercitiva, ma vi si iscrive volontariamente. Insomma, si può gestire il tempo e lo studio nel mondo che si ritiene più opportuno, e non c’è da preoccuparsi di scadenze e di sorprese.

Tutto ciò è vero, ma solo in teoria, perché gli appelli universitari e le sessioni rappresentano delle scadenze fisse alle quali lo studente non può sfuggire se vuole rimanere al passo con gli esami e non finire fuori corso. Ma cosa significa esattamente tutto ciò? Proviamo a fare un po’ di ordine, in fondo non si tratta di una materia così complicata.

come si danno gli esami all'Universià

Esami universitari: come funzionano gli appelli

In quanto iscritti a una determinata Facoltà avrete un piano di studi che stabilisce che per acquisire un determinato numero di CFU – crediti formativi universitari – dovrete seguire un certo numero di corsi e sostenere alla fine l’esame. Esatto, ma cosa vuol dire alla fine? L’anno accademico è diviso in genere in due semestri, durante i quali seguirete corsi differenti, che di norma vanno dalla metà di settembre al termine di febbraio e da marzo sino alla fine di luglio. Agosto è il mese delle vacanze.

Per poter sostenere l’esame del corso che avete seguito dovrete attendere la prima sessione d’esame disponibile: anche in questo caso le nostre sono indicazioni generiche, ma i periodi delle tre sessioni ordinarie (ve ne sono alcune straordinarie, in base alle decisioni dell’Ateneo), sono gennaio – febbraio, maggio – giugno – luglio e settembre. Durante queste sessioni vi saranno un numero variabile di appelli, cioè di possibilità di sostenere l’esame: in genere sono due, ma si tratta di un numero variabile. Tutto ciò implica che avrete parecchie chance di portare a casa un esame, ma non un tempo infinito.

I programmi dell’insegnamento che avete seguito, infatti, hanno una scadenza fissata dal professore che occupa la cattedra. È poi possibile che il vostro esame sia solo scritto, orale o una combinazione delle due cose: in quest’ultimo caso è molto probabile che lo scritto avvenga alla fine del corso, ma non durante la sessione di esame vera e propria, e il voto che vi verrà assegnato (se lo accetterete) andrà a fare media con la seconda parte orale.

Non perdere:

Iscriversi Esame Universitario: come fare

Come fare a iscriversi a un esame? Difficilissimo rispondere nello specifico, perché ogni Ateneo ha proprie modalità. Tuttavia quasi sempre prima degli esami, a partire da un certo lasso di tempo precedente fisso, sarà disponibile per gli iscritti sul portale telematico dell’Università la lista di tutti gli appelli ai quali è possibile iscriversi (sempre che siate in regola con iscrizione all’anno accademico in corso, tasse e burocrazia, oltre agli obblighi di frequenza o di partecipazione ad attività extra). Sceglierete dunque la data dell’appello che più vi convince e poi dovrete presentarvi il giorno dell’esame. L’assenza di solito non dà luogo a penalizzazioni, ma anche questo è a discrezione dell’università.

Non confondetevi, e ricordate che anche se avete seguito un corso nel primo semestre potrete sostenere l’esame corrispondente durante il secondo, oppure l’anno successivo alla riapertura dell’Università a settembre. In caso di slittamento ancora più in là è probabile però che dobbiate comunicare con un certo anticipo di portare all’esame il programma dell’anno precedente. Il tutto però sempre tenendo conto della scadenza dei programmi cui abbiamo accennato.

Come avete visto la libertà è grande, ma questo elemento è davvero un’arma a doppio taglio: imparare a organizzare il tempo e a rispettare le scadenze rimane una delle prime priorità per gli studenti che fanno il loro debutto nel mondo universitario.

Esami Universitari: cosa sapere su iscrizioni, appelli, scadenze e metodo di studio

Vuoi sapere tutto il possibile sugli esami universitari: metodo di studio, appelli, scadenze e come iscriversi? Ecco cosa ti potrebbe interessare leggere:

Foto: Flickr – velkr0

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!
Alessio Cappuccio
Cosa faccio nella vita? In pratica scrivo e ogni tanto faccio video e fotografie. Appassionatissimo di cinema, ritorno a scrivere di scuola e università dopo aver sperato di aver detto addio per semp...
Diventa anche tu un nostro collaboratore! Scrivi per noi!
Leggi altri articoli in Buzz Vita Universitaria