A volte o avvolte: come si scrive?
Condividi su
Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!

Si scrive a volte o avvolte? Se avete questo dubbio sappiate che esiste una regola ben chiara. La soluzione infatti è la seguente...

Come si scrive? I dubbi sull’italiano

Succede spesso che la lingua parlata possa storpiare le parole scritte, o far sorgere domande in merito alla corretta scrittura di diversi modi di dire. Non è raro dunque che la nostra lingua, l’italiano, possa trarre in inganno. Infatti, al contrario di quanto si pensa, l’italiano è una lingua abbastanza complessa sotto molti punti di vista, anche per i nativi italiani. E anche se per molti, madrelingua o non, l’italiano sembra molto facile, non è sempre così.

Ad esempio quando usiamo una parola quotidianamente, ci sentiamo sicuri anche nel momento in cui dobbiamo andare a scriverla. Tuttavia non è raro avere dei dubbi anche su parole che usiamo ogni giorno, è dunque non sempre facile identificare la corretta grafia di alcuni modi di dire che potrebbero sembrare scontati. Sono moltissimi gli esempi, come “a parte” o “apparte”come si scrive? Oppure “a posto” o “apposto”? O ancora “ce” o “c’è”: come si scrive? In questo articolo parleremo di un’altra parola che può provocare imbarazzo se scritta nel modo sbagliato: si scrive a volte o avvolte?

Si scrive a volte o avvolte?

Come si fa a confondere la scrittura di due parole? Le espressioni che andremo a verificare in questo articolo, ovvero “a volte” e “avvolte” esistono entrambe in italiano, a fare differenza è ovviamente il contesto in cui vanno usate.

Cos’è quindi che può indurre in errore? La colpa è tutta della fonetica. Scegliere tra a volte e avvolte è cosa complicata se non si ha ben chiara la grammatica italiana. Specifichiamo subito come sul dizionario siano presenti entrambi i termini. Perché? Semplice: le parole esistono entrambe, ma hanno un significato diverso. Se ci riferiamo alla locuzione avverbiale, allora la grafia corretta è “a volte“. Può capitare di essere indotti all’errore dal raddoppiamento fonosintattico.

Dunque se vogliamo esprimere il concetto di “ogni tanto”, “delle volte”, “non di frequente”, la forma corretta è la locuzione avverbiale “a volte”, scritto staccato, facciamo quindi un esempio pratico: “A volte ho il torcicollo“, indica che ogni tanto, magari se dormo male, mi viene il torcicollo.

Discorso del tutto diverso invece per la parola “avvolte“, usata tutta attaccata.

A volte o avvolte: dipende dal significato

Avvolte invece cosa vuol dire? È il participio passato del verbo avvolgere, che funge anche da aggettivo. Esempio concreto: “Quelle carote sono avvolte da un liquido strano“.

State quindi attenti alla pronuncia: ambo i termini tendono ad essere pronunciati in maniera eguale, ma il significato (e la relativa grafia) è completamente diversa!

 

 

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!
Leggi altri articoli in Case e alloggio Fuori Sede