La creatività è contagiosa. Trasmettila. Albert Einstein

Come risparmiare sulla lavatrice: 6 consigli
Condividi su
Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!

Tutti i consigli per utilizzare nel modo corretto il proprio apparecchio. Ecco come risparmiare sulla lavatrice.

risparmiare sulla lavatrice

Chiaramente uno degli elettrodomestici più utilizzati nelle case degli studenti italiani è la lavatrice. Partiamo subito dal concetto dell’articolo: risparmiare sulla lavatrice si può, ma bisogna seguire una serie di trucchetti in grado di poter risparmiare almeno 3 euro a bolletta. La questione è meno complicata del previsto. L’unica cosa a cui dovrete prestare attenzione è il risparmio energetico, magari attraverso ad un parsimonioso utilizzo dell’elettrodomestico in questione. Per sapere le migliori tariffe energetiche in circolazione nella vostra zona vi consigliamo caldamente di utilizzare questo comparatore di offerte.

 

1. Evitare temperature alte

Il primo punto da tenere in considerazione è presto detto: dovete sapere che la lavatrice impiega pochissimo tempo e richiede poca energia per azionare il motore, il problema è che ne richiede molta di più per poter scaldare l’acqua. Non è obbligatorio (se non in casi estremi) selezionare un lavaggio da 90°. Provate a più riprese quello da 60°, alla lunga pagherà. Occhio anche alla manutenzione della stessa: tenere il filtro pulito è una delle prerogative per un corretto funzionamento dell’apparecchio.

 

2. Programmare i cicli di lavatrice

Avere un piccolo piano settimanale di lavaggio può aiutarti ad utilizzare la lavatrice nelle ore migliori, otmizzando l’assorbimento energetico. Ma quali sono le ore migliori e ‘meno costose’ in cui operare? Come spesso succede, i cicli di lavatrice debbono essere programmati nelle ore notturne, questo perché esiste una tariffa energetica agevolata per coloro che utilizzano l’apparecchio nella notte. E siate bravi a caricare completamente la lavatrice.

 

3. Non utilizzate il prelavaggio

Non prestate attenzione al flusso del prelavaggio. Comporta essenzialmente sprechi energetici non indifferenti. Se evitato potresti arrivare a risparmiare un terzo del consumo d’energia. E’ consigliato l’uso di un anticalcare e di un ciclo a vuoto con aceto ogni 2 mesi per ‘depurare’ la situazione.

 

LEGGI ANCHE: Come utilizzare la lavatrice – istruzioni base per principianti

 

4. Lavatrice di classe elevata

E’ chiaro che se disponete di una lavatrice moderna potete usufruire di maggiori opzioni per controllare il risparmio energetico. Se potete cambiate il vostro apparecchio con un modello di classe A o superiore: A+, A++, A+++.  In termini di prestazioni sarà molto conveniente: per un lavaggio da 5 kg di biancheria in cotone a 60 gradi, una lavatrice di classe C consuma il 35% di energia, il 47% di detersivo e il 50% di acqua in più rispetto a una classe A, una maggiorazione che si traduce in una bolletta più costosa.

 

5. Non sprecate il detersivo

Regola non scritta: ogni kg di biancheria si usano 25 ml di detersivo. Chiaro che per un lavaggio oculato bisogna consultare etichette ed istruzioni di ogni indumento inserito in lavatrice così come il quantitativo di detersivo da utilizzare. Se proprio non riuscite ad essere parsimoniosi nell’utilizzo del detersivo, provate a servirvi delle ecodosi o di pastiglie già dosate e pronte per l’uso.

 

6. Non riempite fino all’orlo la vaschetta del detersivo/ammorbidente

In genere basta 1/2 bicchiere e comunque attenetevi alle istruzioni sulla quantità per kg di bucato che la casa produttrice vi consiglia, e preferite detergenti ecologici in confezioni biodegradabili o producete da voi il detersivo: come sempre ogni scelta, anche quella apparentemente più insignificante, può fare la differenza.

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!
Potrebbe interessarti anche
Leggi altri articoli in Drive To Feel Good Viaggiare