La creatività è contagiosa. Trasmettila. Albert Einstein

Disoccupato e inoccupato: qual è la differenza?
Condividi su

Disoccupato e inoccupato: qual è la differenza?

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!

Quando ci si iscrive a un centro per l'impiego, viene chiesto lo stato di disoccupazione: sei non occupato o inoccupato? Scopri il significato per non sbagliare e chi può ottenere sussidi.

Differenza disoccupato inoccupato

Differenza tra disoccupato e inoccupato: esiste?

Sfatiamo un mito: “disoccupato” e “inoccupato” non sono sinonimi. Non sorprenderti se la prof. ti ha corretto “inoccupato” con “disoccupato” o viceversa, la differenza tra “disoccupato” e “inoccupato” c’è. Se sei scettico o non la conosci, leggi questo articolo, SOS Studenti ti chiarirà qual è la differenza tra i due termini e quando usare “inoccupato” piuttosto che “disoccupato”.

Disoccupati e inattivi: definizione e significato

Per far luce sulla differenza tra “disoccupato” e “inoccupato”, leggiamone la definizione: si tratta infatti di una differenza di significato che, per quanto piccola, è rilevante anche per capire chi tra disoccupati e inoccupato può chiedere un sussidio.
Inoltre quando ci si iscrive ad un centro per l’impiego una delle prime cose che ti vien chiesta è il tuo stato di disoccupazione attraverso una autocertificazione che deve essere fedele per non infrangere le normative vigenti. Secondo quanto dettato dal decreto legislativo 297/02, le condizioni principali che possono essere dichiarate sono proprio disoccupato e inoccupato: ecco qui la definizione dei due termini per non sbagliare.

Disoccupato

Ai sensi del D.lgs 297/2002, il disoccupato è chi è stato precedentemente “occupato”, ovvero titolare di un rapporto di lavoro autonomo o subordinato, sia divenuto privo di lavoro e che si sia immediatamente reso disponibile allo svolgimento ed alla ricerca di una attività lavorativa secondo modalità definite con i Servizi competenti.
In parole povere, significa essere non occupato, non avere un lavoro o perché lo si è perso o perché lo si è volontariamente abbandonato.
I sussidi possono essere richiesti se si prova di essere disoccupati, seppur con determinate condizioni. Secondo quanto riportato dai riferimenti normativi vigenti, si è considerati disoccupati nel caso di :

  • lavoro dipendente (es: co.co.pro., contratto a tempo determinato o indeterminato, part-time o full-time, etc…) il tuo reddito è inferiore a 8000 €annui;
  • lavoro autonomo il tuo reddito è inferiore a 4800€ annui ;
  • lavoro per 8 mesi (4 se hai fino a 25 anni compiuti o, se in possesso di diploma universitario di laurea, fino a 29 anni compiuti);

Inoccupato

Ai sensi del D.lgs 297/2002, l’inoccupato è chi non ha mai svolto attività lavorativa in nessuna forma, autonoma o subordinata e sia alla ricerca di un’occupazione, ovvero abbia effettuato iscrizione al Centro per l’Impiego, da più di 12 mesi o da più di 6 mesi se giovani.
L’inoccupazione è condizione antecedente rispetto alla disoccupazione: inoccupato è colui che non ha mai lavorato ed, anzi, è in cerca di prima occupazione.
Inoccupato ha un sinonimo, ed è inattivo: in questo caso il significato è il medesimo.

 

 

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!
Potrebbe interessarti anche
Simone
U.S.A. Lover, Basketball addicted, mangiatore di Serie Tv e amante della Sport. Il problema è che guardo tutto comodamente dal divano di casa mia.
Diventa anche tu un nostro collaboratore! Scrivi per noi!
Leggi altri articoli in Consigli per Studiare Università