Come scrivere un’ottima Cover Letter
Condividi su
Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!

Per lavorare all'estero è obbligatoria la redazione di una lettera di presentazione nella quale debbono essere inserite le vostre qualità: ecco come scrivere una Cover Letter

come scrivere la cover letter

COME SCRIVERE UN’OTTIMA COVER LETTER

Uno degli strumenti più sottovalutati ma che servono a rendere presentabile una candidatura. La cover Letter va allegata al Curriculum, ma come va scritta e quando? È il caso di abbandonare la tradizionale lettera di presentazione? La funzione non cambia ed il contenuto da inserire è lo stesso, ma perché i britannici preferiscono una struttura predefinita, a differenza delle risorse umane nostrane? Perché loro hanno dato una forma, mentre noi no. La struttura della cover letter è molto semplice, simile ad una lettera da inviare ad un amico o la fattura di una qualunque attività:

– In alto a destra il mittente
– A sinistra il destinatario e la data
– Al centro  4/5 paragrafi di contenuto
– In basso a sinistra Nome e Cognome dopo i saluti
– In basso a destra la firma.

come scrivere la cover letter

Converrete con chi ha lavorato per diversi anni alla selezione di candidati, che preimpostare fin da subito la lettera di presentazione con il sistema anglosassone della cover letter risulti da subito immediato ed universale.

 

SCRIVERE LA COVER LETTER: A CHI MANDARLA

Ma soprattutto, quando? Prima di inviare una cover letter bisogna averne la necessità. Una Lettera di presentazione va sempre indirizzata ad una persona specifica e mai all’azienda, questo esclude l’invio alle società di cui non disponiamo un contatto diretto. C’è un modo per ovviare a tutto questo ed è molto semplice, il social engineering ci insegna come arrivare alla persona desiderata e apprenderne il nome con poche semplici mosse. Prima di tutto bisogna individuare l’azienda che ci interessa contattare e comprendere se il settore in cui opera potrebbe aver bisogno di una figura professionale in più, o meno. Questa operazione non è difficile da compiere, basta analizzare il modo in cui opera all’esterno, verificarne il fatturato e ricavi e supporre adeguatamente in quale ambito l’azienda possa ottener maggior guadagno grazie a voi. Supponiamo che l’azienda in questione sia una agenzia di comunicazione abbastanza grande, che la vostra specializzazione sia il viral marketing e che le campagne condotte dall’ufficio marketing non abbiano riscontrato il successo sperato. Avete tutte le carte per proporvi in poche righe, manca solo il nome al quale indirizzare la cover letter. Basta una telefonata, nulla di più semplice. Contattando telefonicamente l’azienda, chiedendo specificatamente del responsabile risorse umane vi verrà dato il nominativo esatto. Il consiglio è quello di evitare il confessare del vostro fine, vi direi come ma è bene che vi lasci pensare un pochino. Ah, occhio al reato di false dichiarazioni sulla identità o su qualità personali proprie o di altri, Articolo 496 Codice Penale, che vale al telefono quanto sulla carta. Non inventate qualità che non avete, tanto salterà tutto fuori durante il colloquio.

 

CREARE UNA COVER LETTERE: MODIFICHE IN BASE ALL’ESIGENZA

L’errore comune è quello di pensare “Scritto una volta, scritto sempre” ma non esiste nulla di più errato, per due semplici motivi. Il primo è che si abbassa notevolmente la possibilità di tentare di piacere al responsabile risorse umane, perché se una cover letter non è piaciuta una volta, due, tre significa che qualcosa non funziona nel vostro modo di comunicare. Il secondo è che molte grandi aziende ricorrono ad agenzie esterne (non parlo delle solite interinali) che prestano servizio di recruitment su commissione e per pura sfiga la vostra cover letter identica potrebbe esser allegata a due curriculum identici per due mansioni differenti allo stesso selezionatore. Se pensi sia una casualità remota ti basta sapere che al di fuori dell’Italia ci sono tre grosse aziende che hanno in comune lo steso ufficio di human resource.

 

COSA NON SCRIVERE SULLA COVER LETTER

Sembra quasi banale doverti dire di non scrivere troppo, di non superare i tre paragrafi e di non esagerare con il servilismo, non fare minimamente l’errore di scadere negli errori sopracitati. Non scrivere il riassunto del tuo curriculum perché se il tuo cv si legge in più di 75 secondi sei già da scartare per la maggior parte dei selezionatori. Se pensi di dover dare ulteriori spiegazioni non farlo nella cover letter, ma al colloquio che otterrai avendo studiato adeguatamente cosa interessa leggere al tuo futuro capo. Evita di scrivere commenti al tuo curriculum, evita di parlare di quanto quella determinata esperienza ti abbia fatto crescere, evita di far capire che stai elemosinando un lavoro. Ricorda che tu sei la persona che stanno cercando, di cui loro hanno bisogno e che tu puoi dare molto per far crescere il loro profitto.

 

SCRIVERE UN COVER LETTER: PRESENTAZIONE CARTACEA

Sono tutti buoni a scrivere una eMail, ad allegare curriculum con foto e rispondere agli annunci online. Pochi, invece, sanno dare il giusto valore alla forza di una lettera concreta, spedita al destinatario all’interno di una busta e con la cover letter scritta di proprio pugno. Scrivere la cover letter a mano è un rischio enorme, ma che puoi sempre percorrere se la cosa ti stuzzica e trarne enorme profitto. Il selezionatore, l’amministratore, il project manager sono persone come te e che sono esposti alle emozioni archetipiche del ricevere qualcosa di personale. Mettiti nei panni del dirigente che si vede recapitare una busta ben confezionata, con all’interno un curriculum veloce da leggere ed una cover letter scritta mano. A meno che tu non abbia proprio nulla che gli interessa, saprai già di aver dalla tua la sicurezza di aver fatto colpo e aver guadagnato il colloquio.

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!
Saverio Covello
Da grande volevo fare lo scrittore, poi sono finito per curare l'immagine e la comunicazione per aziende che mi definivano brand designer. Oggi scrivo qualche parola sul web e posso finalmente definir...
Diventa anche tu un nostro collaboratore! Scrivi per noi!
Leggi altri articoli in News Università