Colloquio di lavoro in inglese: 8 domande a cui dovrai saper rispondere
Condividi su

Colloquio di lavoro in inglese: 8 domande a cui dovrai saper rispondere

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!

Le domande papabili del colloquio di lavoro in inglese a cui dovrai saper rispondere.

colloquio di lavoro in inglese

COLLOQUIO DI LAVORO IN INGLESE: 8 DOMANDE

Il colloquio di lavoro in inglese è l’ultimo passo che ti separa dalla tua nuova vita da ‘straniero’. Partiamo dall’assunto di base: se ti hanno contattato è perché il tuo CV risulta essere di tutto rispetto. Ora tocca a te non sprecare tutto al colloquio orale. Il consiglio base è solito: mantenere la calma e prepararsi qualche risposta standard in anticipo. Ma quali sono le domande chieste maggiormente dall’HR aziendale? Ecco le nostre 10 proposte di domanda vs risposta.

 

1. Tell us about yourself

L’apertura è solitamente a ‘pagina libera’. In questo modo l’HR Manager vi sta mettendo in condizione di poter raccontare la vostra storia: chi siete, da dove venite, qual è stato il vostro percorso scolastico / lavorativo. Non c’è una sorta di risposta standard ma è personale. Preparate qualcosa in anticipo che riassuma la vostra persona e sintetizzi le vostre competenze. L’intento è anche quello di esaminare da vicino la vostra capacità discorsiva. Occhio alla grammatica.

 

2. Why did you apply for this job?

Perché ti sei candidato per questo lavoro? Un classicone. Tutto con l’intento di capire le tue reali motivazioni che ti hanno spinto a chiedere del quel determinato posto, in quella determinata azienda. Anche in questo caso, tenta di preparate una breve risposta standardizzata. Un buon inizio potrebbe essere il seguente:

“The job description is very interesting and I believe I have all the necessary skills and experience that you are looking for”

oppure

“I would like to have the opportunity to show you my skills. I think that I could be a plus for your company because of my previous experience.”

Ovviamente, per sostenere la tesi, dovete citare uno o più risultati conseguiti nei vostri precedente lavori. In assenza di esperienza puntate maggiormente sulle vostre skills.

 

3. Why should we hire you?

Perché dovremmo assumere te? Una volta sentita questa domanda dovrete semplicemente rispondere a modo descrivendo quale plus potete portare in azienda.

 

4. What are your salary expectations?

Quali sono le aspettative di salario? Quanto volete prendere, in parole povere. Non sparate troppo alto ma nemmeno troppo in basso. Cercate di valorizzare la vostra persona. In questo caso viene esaminata la capacità di trattativa. Se aspirate ad una posizione ‘commerciale’ questo rappresenta un doppio-test.

“My previous salary is around 20.000 £ and I would be looking to earn more than that.”

 

5. What do you know about our company?

Che cosa sai della nostra compagnia? La curiosità per un datore di lavoro è tutto. Non potete presentarvi ad un colloquio di lavoro senza aver spulciato per filo e per segno il sito web ufficiale dell’azienda in questione. Se vi siete preparati correttamente questa è una domanda NON trappola. Obbligatorio fare bella figura.

 

6. What are your three greatest strenghts?

Quali sono i tuoi 3 punti di forza? E’ ora di sviscerare 3 tue caratteristiche positive. E’ sempre meglio essere sinceri e confessare i  vostri punti di forza. Non cercate la via banale (bella, simpatica, intelligente) e preparatevi una lista di aggettivi che possono essere adatti a te. Sceglietene un paio e cercate di spiegare il perché. Anche per questa domanda, ora, siete preparati!

“My strength is I am hard working, sincere and self motivating person. I eager to learn new things. I am adaptable in any kind of environment and my positive attitude towards any situations.”

Magari cercando di allungare le spiegazioni per ogni vostro punto di forza, ma questa può già rappresentare una base. Probabilmente seguirà la domanda gemella: “What are your three weaknesses?”

 

7. Do you prefer working individually or with a team?

Preferisci lavorare da solo oppure in un team? Chiaro che l’obiettivo è capire che tipologia di personalità hai: sei disponibile a lavorare di squadra? Ti integri al meglio in un team? Cercate di evitare la risposta monotematica del tipo: “No.. lavoro solo individualmente”. Non c’è modo peggiore d’iniziare e finire una frase. Rimanete equilibrati: fate capire di poter svolgere il vostro lavoro in maniera autonoma, ma rimanendo sempre a disposizione della squadra.

 

8. Do you have any question for us?

E’ ora di confessare qualsiasi tuo dubbio. Solitamente è bene chiudere un colloquio con la richiesta di una chiarezza temporale della selezione. Potreste chiudere la conversazione, quindi, con la classica domanda: “How soon do you expect to make a decision?”

 

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!
Leggi altri articoli in Idee Viaggio Viaggiare