La creatività è contagiosa. Trasmettila. Albert Einstein

Come diventare un addetto stampa
Condividi su
Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!

Una professione creativa che richiede capacità di scrittura, curiosità, dedizione e diplomazia.

come diventare addetto stampa

COME DIVENTARE ADDETTO STAMPA

Per tanti il mestiere dell’addetto stampa può sembrare il più comune ripiego alla quasi impossibile carriera giornalistica; è vero che tanti che studiano e lavorano per il giornalismo finiscono per scegliere l’ufficio stampa perché in generale offre più opportunità ma non per forza per ripiego. L’addetto stampa è a tutti gli effetti, o almeno secondo la legge dovrebbe esserlo, un giornalista iscritto all’albo, tenuto a rispettare una deontologia precisa e capace di scrivere testi al pari di chi firma articoli. La vera capacità di un addetto stampa è però quella di identificare elementi notiziabili nell’attività del proprio cliente o sapergli consigliare delle strategie che possano far emergere le positività, in maniera che trovino terreno fertile negli spazi media. Il vero addetto stampa è uno che ama scrivere e che i giornali li legge, tutti i giorni.

 

DIVENTARE ADDETTO STAMPA: PERCORSO STUDI

Il percorso di studi utile a questa carriera è senz’altro quello di impronta più umanistica, nelle sue varie declinazioni. L’addetto stampa deve avere una cultura generale ampia per poter affrontare clienti di diversa entità e avere l’abilità di saperli presentare e descrivere nei loro punti di forza più comunicabili. Una specializzazione sulle nuove tecnologie digitali di comunicazione è poi oggi giorno d’obbligo per poter spaziare con una comunicazione sapientemente oculata anche tra blog e social network. L’ordine dei giornalisti offre anche a questa categoria professionale corsi per la formazione obbligatoria ad hoc.

 

LEGGI ANCHE: Come diventare Marketing Manager

 

PROFESSIONE ADDETTO STAMPA, DOVE IMPARARE

La prima esperienza di lavoro di addetto stampa è preferibile farla nelle agenzie di comunicazione dove ci si confronta con realtà diverse a seconda del pacchetto clienti e si impara a fare un po’ di tutto dalla ricerca dei trend mediatici alla scrittura testi, dalla pulizia del database alle recall fino all’organizzazione degli eventi per i giornalisti. Una volta capito il settore verso il quale si ha più attitudine alla comunicazione, ha senso provare a cercare di inserirsi nel reparto comunicazione interno di grandi aziende, ma solo se si è disposti a barattare una minore flessibilità lavorativa con la gestione della comunicazione in un solo settore. Meno divertente alla lunga e meno creativo ma sicuramente più specializzante come percorso professionale.

 

ADDETTO STAMPA: PROSPETTIVE DI CARRIERA

Quella del’addetto stampa è una professione molto richiesta ma anche spesso non ben inquadrata economicamente a meno che non si riesca a lavorare nel reparto comunicazione di una grande azienda, obiettivo a cui si può mirare dopo un po’ di anni di esperienza. Se non si è pazienti in questo lavoro non si va da nessuna parte. Il ruolo dell’addetto stampa è da mediatore tra il giornalista e l’azienda e deve saper fare da tramite nel modo più ordinato, gradevole e attento possibile. A entrambi si ricordano scadenze e anche se pochi amano farlo, si passa molto tempo a fare recall, perché la relazione diretta con cliente e giornalista è fondamentale per creare fiducia e interesse.

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!
Potrebbe interessarti anche
Eleonora Tosco
Giornalista e addetto stampa freelance, amo i viaggi innanzitutto e il posto in cui mi sono rifugiata a vivere sul Lago Maggiore dopo aver lasciato Milano. Studio web marketing al Sole 24 ore, collabo...
Diventa anche tu un nostro collaboratore! Scrivi per noi!
Leggi altri articoli in Orientamento Università