5 tipi di persone che incontri al ristorante
Condividi su

5 tipi di persone che incontri al ristorante

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!

Ognuno ha un modo tutto suo di approcciarsi al pranzo o cena in un ristorante: dal cafone al telefonodipendente, ci sono tutti. Tu chi sei?!

Tutte quelle volte che torno esausto da una lezione all’università o in seguito allo sfinimento post esame, il mio passatempo preferito è una cena rilassante al ristorante. Non devo fare niente, né costringere il mio cervello ad ulteriori fatiche nel dover pensare qualche elaborata ricetta in grado di deliziarmi (i miei neuroni lavorano già abbastanza all’università), né spendere altro tempo a lavare i piatti.

Purtroppo, però, c’è sempre e solo un problema: il fatto che al ristorante non sei da solo. Devi avere a che fare con una clientela variegata di gente che ha scelto, proprio in quel momento, la tua stessa destinazione. Tra il bestiario di soggetti bizzarri che ti può capitare di trovare al ristorante, ci sono alcuni tipi che incontri quasi di sicuro. Dimmi se non ho ragione!

 

1. Il pozzo senza fondo

Bava alla bocca, alito pestilenziale in grado di uccidere le mosche che gli ronzano attorno (perché di solito ne è circondato), primo bottone dei pantaloni rigorosamente slacciato. I più caratteristici trasformano il tovagliolo in bavetta o, addirittura, hanno il loro bavaglio personale (in genere bianco), testimone di tutte le abbuffate che si sono fatti nel corso del tempo, che portano sempre con loro. Sai quando inizia perché è un abitudinario con gli orari, ma non saprai mai quando finirà di nutrire il suo appetito cosmico. Neanche i bottoni della camicia che iniziano a saltare riescono a porre un limite alla sua ingordigia.

Classica postazione pre-battaglia all'Old Wild West.

Classica postazione pre-battaglia all’Old Wild West.

 

2. Il cafone

È quello che di solito mastica la gomma con la bocca aperta e nel frattempo ti parla. Al ristorante lo riconosci subito: se cena all’Old Wild West, ogni volta che mangia una nocciolina ti ritrovi la testa ricoperta di bucce. Quando chiama il cameriere lo fa a gran voce, suscitando l’attenzione pure dei passanti fuori dal locale. Il rutto libero è la sua passione, così come sedersi nelle posizioni più incredibili, prima fra tutte con i piedi sul tavolo. Ci prova sempre a pagare di meno e la mancia al cameriere non la lascia neanche se gliela chiedono.

noccioline old wild

 

3. Il turista

Il fattore fondamentale di questo interessantissimo soggetto è che nonostante abbia voglia di assaggiare le pietanze del posto e mescolarsi con gli usi e costumi di un determinato paese, alla fine finisce con il mantenere le sue abitudini alimentari (per carità, chi glielo impedisce!). E così vai di patatine fritte accompagnate da latte freddo, spaghetti e cappuccino e l’immancabile richiesta di una pizza con l’ananas. Il cuoco del ristorante di solito si tappa le orecchie e prepara le ordinazioni in modo meccanico, senza pensare più a niente.

 

4. L’ubriacone

Il suo alito è già inebriante nel momento in cui varca la soglia del ristorante. Fa fatica a tenere gli occhi aperti e a raggiungere il tavolo che gli viene indicato. Di solito è solo, ma quando è insieme a un compagno di sventure può essere solo peggio. Il locale viene riempito per ore dal loro fetore e dallo schiamazzo delle loro risate. Se il tuo obiettivo era quello di rilassarti, è miseramente fallito.

 

5. Il telefonodipendente

La cosa più buffa di questo esemplare è che di solito è formato da una coppia. Uomo e donna sulla trentina, stanno insieme da dieci anni, vanno d’accordo, ma non hanno praticamente più niente da dirsi. Il risultato? La cena va avanti con il dito che scrolla la bacheca Facebook dei loro amici. Ogni tanto qualche commento. Più di frequente, qualche litigio perché uno dei due ha messo un like di troppo a qualcuno. Non si accorgono neanche che il cameriere ha portato loro la cena e di solito la mangiano in silenzio, fredda, in attesa della prossima foto profilo da commentare. Solo la batteria scarica dei loro smartphone può porre rimedio a questo deserto comunicativo.

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!
Leggi altri articoli in News Università