La creatività è contagiosa. Trasmettila. Albert Einstein

Come diventare giornalista professionista
Condividi su

Come diventare giornalista professionista

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!

Non sai qual è il percorso su come diventare giornalista professionista? Ecco la guida scritta per te per sciogliere ogni tuo dubbio!

come diventare giornalista professionista

COME DIVENTARE GIORNALISTA PROFESSIONISTA: REQUISITI

Non sai come diventare giornalista professionista? Non preoccuparti. C’è una legge ben chiara che definisce modalità e procedimenti per potersi iscrivere all’albo dei professionisti. “Ai sensi dell’art. 1 legge n. 69/1963, sono professionisti coloro che esercitano in modo esclusivo e continuativo la professione di giornalista; sono pubblicisti coloro che svolgono attività giornalistica non occasionale e retribuita anche se esercitano altre professioni o impieghi.”

Per diventare giornalisti professionisti, ed iscriversi nel relativo elenco, è necessario:

A) praticantato o scuola di giornalismo

1) svolgere 18 mesi di praticantato e, inoltre, frequentare uno dei corsi di formazione o preparazione teorica anche “a distanza”, della durata minima di 45 ore, promossi dal Consiglio Nazionale o dai Consigli Regionali dell’Ordine;

2) in alternativa, aver frequentato per un biennio una delle scuole di giornalismo riconosciute dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti (www.odg.it sezione: scuole di giornalismo);

B) superare l’esame di idoneità professionale (art. 32 legge n. 69/1963)

 

LEGGI ANCHE: Come diventare giornalista pubblicista

 

COME DIVENTARE GIORNALISTA PROFESSIONISTA: PRATICANTATO

Per iscriversi nel registro dei praticanti occorre documentare la pratica presso una testata giornalistica oppure frequentare una delle scuole di giornalismo riconosciute dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti. Per iniziare il praticantato, non è necessario il diploma di laurea, dal momento che la legge richiede la licenza di scuola media superiore. Occorre, però, essere inserito in una redazione giornalistica in qualità di praticante.

La laurea è necessaria solo per frequentare uno dei master delle scuole di giornalismo convenzionate, nel corso del quale si raggiunge lo status di allievo. Per acquisire una pratica giornalistica idonea a sostenere gli esami per l’accesso alla professione, è possibile iscriversi ad una delle scuole di giornalismo riconosciute dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti (elenco sul sito www.odg.it – link “scuole di giornalismo”), oppure rivolgersi ad un editore per svolgere un periodo di praticantato presso una testata giornalistica idonea a garantire un’adeguata formazione.

Il termine entro il quale il praticante deve sostenere la prova di idoneità professionale è di 3 anni, dalla data di decorrenza dell’iscrizione nel registro dei praticanti, decorso il quale l’Ordine regionale cancella l’iscritto dal registro.

 

COME DIVENTARE GIORNALISTA PROFESSIONISTA: SCUOLA DI GIORNALISMO

Solo i corsi giornalistici riconosciuti dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti possono sostituire il praticantato presso una testata ai fini dell’accesso all’esame di idoneità professionale per diventare giornalista professionista. Per accedere ai corsi è necessario essere in possesso del diploma di laurea e superare una selezione.

 

LEGGI ANCHE: Come diventare giornalista sportivo

 

COME DIVENTARE GIORNALISTA PROFESSIONISTA: REQUISITI ESAME DI STATO

Non tutti possono effettivamente iscriversi all’albo dei professionisti. E’ infatti necessario rispettare una serie di prerequisiti da seguire:

  • compimento del 21esimo anno di età;
  • l’esercizio continuativo della pratica giornalistica previa iscrizione nel registro dei praticanti per almeno 18 mesi, attestato da una dichiarazione di compiuta pratica del direttore, oppure titolo rilasciato da una delle scuole di giornalismo riconosciute in Italia che attesti il tirocinio dell’allievo per la durata di due anni;
  • il possesso dei requisiti di legge (cittadinanza, assenza di precedenti penali, attestazione di versamento della tassa di concessione governativa);
  • l’esito favorevole della prova di idoneità professionale di cui all’art. 32 l. 69/1963, consistente in una prova scritta e orale di tecnica e pratica del giornalismo integrata dalla conoscenza delle norme giuridiche che hanno attinenza con la materia del giornalismo (cfr. artt. 44 e seguenti dpr 115/1965).

 

COME DIVENTARE GIORNALISTA PROFESSIONISTA: MODALITA’ ESAME DI STATO

L’esame abilitativo, sia per quelli che escono dalle scuole che dalla praticantato classico, si compone di due prove:

A) una prova scritta, della durata di 8 ore, consistente:

  • nella redazione della sintesi di un articolo tra quelli proposti dalla commissione per un massimo di 1.800 battute.
  • nella risposta a questionari su temi di attualità e di cultura politico-economico-sociale concernenti l’esercizio della professione.
  • nella redazione di un articolo della lunghezza massima di 2.700 battute su un argomento di attualità scelto dal candidato tra quelli proposti dalla commissione (Interni, Esteri, Economia, Cronaca, Sport, Cultura, Spettacolo).

B) una prova orale, consistente in  colloquio teso a valutare l’effettiva conoscenza, da parte del candidato, dei principi della deontologia giornalistica, delle norme giuridiche afferenti al giornalismo e delle tecniche e pratiche collegate all’esercizio della professione.

 

COME DIVENTARE GIORNALISTA PROFESSIONISTA: QUANTO COSTA

Ma quanto costa effettivamente sostenere l’intero iter per diventare giornalista professionista? Vi anticipiamo che non è cosa da poco: tra tasse, corsi e bollo si arriva a circa 1000 euro. E non abbiamo contato i costi di viaggio, alloggio a Roma per chi vien da fuori a sostenere l’esame di stato.

– Corso Obbligatorio per accedere all’esame per chi non ha fatto una scuola di giornalismo o non ha potuto seguire il corso organizzato presso l’ordine regionale: 450 euro
– Tassa d’esame: 400 euro
– Posta certificata obbligatoria: 15,73 euro
– Tassa d’ammissione: 100 euro
– Costo della tessera: 16 euro
– Marca da bollo: 16 euro
– Chi prima non era già pubblicista deve aggiungere 168 euro come “tasse di concessioni governative”

Sostieni SOS studenti! Ci basta un Like!
Potrebbe interessarti anche
Simone
U.S.A. Lover, Basketball addicted, mangiatore di Serie Tv e amante della Sport. Il problema è che guardo tutto comodamente dal divano di casa mia.
Diventa anche tu un nostro collaboratore! Scrivi per noi!
Leggi altri articoli in Buzz Vita Universitaria